la frustazione della data di consegna e l’ansia di commettere errori [Come affrontare il “drago a due teste”]

Drago a due teste - rispettare la data di consegna senza commettere erroriConsegnare prima del gong o essere certi che il lavoro sia perfetto?

è questo l’interrogativo che frulla nelle nostre teste imperlate di sudore quando si avvicina la data di scadenza.
Voi, come rispondete?

A mio parere le risposte a questa domanda sono principalmente due, come pure i tipi di colleghi che spesso ci siedono accanto… c’è lo “scrupoloso” e il “temerario”.

“Il temerario” lo riconosci dallo sguardo sicuro, la voce calma e decisa da chi sembra non sbagliare mai.

I temerari sono coloro che anche se interpellati su argomenti sconosciuti sembra non abbiano fatto altro che parlare dell’argomento.
Ma soprattutto, tornando al nostro quesito, come dice il nomignolo che gli ho assegnato, rischiano senza riguardare più di tanto i lavori perché la loro priorità è consegnare sempre prima del gong.
I temerari consegnano accettano gli elogi del capo per la tempestività dimostrata ma, quello che molti non immaginano, è che anche loro passano le ore successive alla consegna del lavoro sperando di non aver commesso errori di cui, magari, il capo si accorgerà solo in fase di riunione con il CDA.

Ma, dovete sapere, che il temerario è preparato anche a questo, conserva nella scrivania un biglietto per terra straniera, o meglio, pacchi di curriculum che non aspettano altro che di essere spediti, non teme il cambiamento ;-).

Accanto al temerario siede “lo scrupoloso” che se riesce ad arrivare alla riunione in tempo è assolutamente tranquillo. Perché? Mi chiedete, ma naturalmente il motivo sta nel fatto che è assolutamente certo di ogni singolo dato, poiché la notte precedente alla scadenza, invece di stare con la sua famiglia, ha controllato scrupolosamente ogni singolo dato.

Lo scrupoloso non sbatte neanche le palpebre se non è arrivato a fine testo e più di ogni altra cosa teme di essere sopraffatto dalla bestia nera della stanchezza.

Vi riconoscete in uno di questi due stereotipi? Sembrano così diversi eppure ci sono degli elementi che accomuna questi due colleghi: l’ansia di commettere errori e la frustrazione della data di consegna.

Vi è però una terza via per rispondere alla domanda “puntuali o precisi?”, in alcuni casi infatti nell’ufficio accanto al temerario e allo scrupoloso c’è un terzo collega, candidato ideale al posto del capo.

Il collega di cui parlo che chiameremo “il domatore (di draghi)” non sembra neanche fare il nostro stesso lavoro, è infatti sereno e tranquillo e riesce a non farsi aggredire dalla “creatura” a due teste, nel prossimo post vi spiegherò le tecniche e gli strumenti utilizzati dal domatore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.